Psicologia dell’infedeltà

L’infedeltà è un fenomeno singolare. Da una parte, l’infedeltà è molto diffusa ed alcune persone si sono scontrate con essa anche più volte nella vita. Dall’altra, ogni volta che sei tradito senti un tremendo dolore viscerale e ti sembra che il mondo si frantumi davanti a te in mille pezzi, senza che li si possa incollare mai più.

In questo stato, una persona può cominciare a compiere diverse azioni come: vendicarsi, chiarire il vostro tipo di legame, cercare di risolvere la situazione.
Questo è più che naturale, dato che tutti cerchiamo di liberarci della sofferenza quanto prima possibile, prendendo velocemente una decisione su dove indirizzare la nostra vita. E la scelta più diffusa in questi casi è quella di spezzare definitivamente il legame.

Ciononostante, i psicologi consigliano proprio il contrario: non precipitarsi a fare una scelta definitiva mentre si è ancora afflitti. Serve un bel po’ di tempo prima che una persona sia in grado di calmarsi e decidere in maniera quanto più sensata possibile il da farsi.

Ci possono essere tante uscite dalla situazione e la rottura del legame non è per niente l’unica disponibile. Per capire profondamente ciò che è successo e prendere la decisione giusta è necessario prima di tutto riacquistare uno stato di equilibrio interiore, il che è tuttaltro che facile.
Possono aiutare in questo arduo compito: discorsi con psicologi di qualità, viaggi, lavoro, sport, yoga, meditazione (meglio provare più cose contemporaneamente).
Una volta riacquistato questo equilibrio, si può provare finalmente a guardare la situazione in maniera lucida.

Esistono varie cause dell’infedeltà. Qui proveremo a spiegare le più diffuse.

1.Infedeltà come segnale di un amore ormai spento.

Questa è la causa di infedeltà più diffusa nella psicologia dell’infedeltà.
In questo caso bisogna chiarire definitivamente il proprio legame con l’altra persona ed avere il coraggio di troncarlo definitivamente.
Molto probabilmente, il vostro partner ha semplicemente avuto una mancanza di coraggio e non è riuscito a dirvi la verità. Lo si può incolpare solo di questo, non dell’assenza di amore.

2.Infedeltà come segnale di problemi nella coppia.

Nella psicologia dell’infedeltà, questa è la seconda causa.
Un problema nel rapporto non vuol dire che l’amore non c’è più, anzi. In questo modo, spesso, il partner cerca inconsciamente di risolvere il problema e far tornare l’amore.
Per esempio, se il marito sente che la moglie si è allontanata, potrebbe sentire un improvviso interesse per la segretaria. Ma alla base di questo interesse non c’è l’amore per la segretaria, bensì il tentativo di compensare il proprio senso di frustrazione.
Cioè, invece di affermare pretese alla moglie, il marito cerca inconsciamente di risolvere la situazione con l’infedeltà.

Per questo molti psicologi affermano che il tradimento si rivela spesso e volentieri come uno stabilizzante per il rapporto.
Spesso, le coppie che sono riuscite a superare un tradimento imparano ad essere più attenti alle esigenze del partner, ad essere più pazienti, più generosi e ad aiutare di più.

3.Infedeltà come segnale di problemi interiori di chi tradisce.

Anche questa è una delle cause più diffuse dell’infedeltà.
Di questi problemi ce ne possono essere una marea. Per esempio, il non essere pronto per relazioni serie. Molto spesso, infatti, quando la relazione passa ad un nuovo livello e richede maggiore impegno da parte di entrambi, la paura dell’impegno spinge questa persona verso l’infedeltà.
In questo caso, anche la persona stessa che tradisce soffre molto. Dato che una parte di lui/lei vorrebbe avere una relazione seria, mentre l’altra ne è molto intimorita.

Un altro problema interiore potrebbe essere la mancanza di autostima, o fiducia in se stessi. Sono tante le persone che cercano di aumentare la propria autostima attraverso il grande numero di partner sessuali, mostrando agli altri ed a se stessi di essere dei superuomini o delle superdonne.
In realtà, dato che la mancanza di autostima viene dagli strati più profondi della nostra psiche, essa non può essere risolta in nessun modo con questi mezzi. Lasciando, così, la persona con gli stessi problemi di prima più quelli che si sono aggiunti.

Un altro problema rilevato dagli psicologi che si occupano dell’infedeltà è rappresentato dai vari stereotipi. I quali dimostrano ancora una volta la bassa autostima di chi li segue.
Per esempio è abbastanza diffuso lo stereotipo che il “vero uomo” deve avere anche l’amante. Oppure che se si è fedeli ad un partner, ne si diventa dipendenti; quindi la persona si inventa dei metodi per evitarlo.

Cosa è meglio fare?

Esistono anche altre cause, ma la cosa più importante da notare è che non sempre la cosa migliore da fare è rompere definitivamente il legame.
Se un rapporto è messo in difficoltà dai problemi interiori di uno o entrambi i partner, risolvendo tali problemi non ci sarebbe più nessun ostacolo alla creazione di un legame profondo e sincero, non sporcato da deviazioni psicologiche di nessun tipo.

Anche se sembra tremendamente difficile (soprattutto all’inizio), la cosa migliore da fare per la persona tradita è guardare alla situazione da un’altra prospettiva. Deve capire che il mondo e le persone sono molto più complessi di quanto credesse.
Invece di soffrire “e basta”, invece di rotolarsi nei sentimenti negativi, nel rancore e nel l’autocommiserazione, si potrebbe cercare di capire che dietro ogni conseguenza c’è sempre una causa, che noi potremmo aver capito male o non aver notato del tutto.

Se si passa attraverso la nebbia di sofferenza, si può capire che il tradimento è semplicemente un forte segnale che ci sono dei problemi. Se questo segnale viene capito ed i problemi risolti non solo si può evitare di rompere il legame, ma renderlo anche molto iù forte e profondo di prima.
In fin dei conti, il tradimento può essere sia una fine che un nuovo inizio, dipende tutto dalle scelte dei due partner.

Cosa fare per evitare di arrivare a questo punto?

Un modo molto pratico di evitare di arrivare ad un punto in cui il tradimento si consuma dietro le vostre spalle per lungo tempo, potreste pensare ad un buon servizio di monitoraggio.
Usarlo è molto semplice, dato che dovete semplicemente installare un’applicazione sul cellulare del vostro partner e guardare i dati che riceverete comodamente seduti dietro al vostro computer.

Questi servizi vi permettono di sapere l’esatta posizione del cellulare grazie al GPS. Potrete inoltre vedere tutti i messaggi (sia di testo che quelli inviati con le applicazioni, anche se ci sono le password), tutti i video e le foto, e tanti altri dati del telefono monitorato.
Se date un’occhiata al mio blog, troverete dei servizi di qualità che permettono di pagare anche solo per un mese. In questo modo potrete provare il servizio e poi decidere con calma se andare avanti o meno.

Checchè se ne dica, paradossalmente un programma spia resta uno dei migliori modi per evitare dubbi e paranoie inutili. Infatti, in questo modo potrete concentrarvi sul rinforzare il vostro rapporto.
E non appena le informazioni che riceverete grazie al programma vi faranno sentire aria di bruciato, potrete intervenire e risolvere la situazione prima che peggiori.

Come alcuni avranno forse già capito, anche se si hanno dei dubbi sull’effettiva utilità di un servizio del genere, l’unico modo per scoprirne il valore è provarlo. E dato che il prezzo è più che abbordabile, vi consiglierei di dargli una possibilità.
Ad alcuni potrebbe non servire affatto, ad altri invece toglierà sicuramente tante castagne dal fuoco.
Uomo avvisato mezzo salvato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *